Meditazione e Creatività.

Impariamo a lasciar riposare un po’ la nostra mente.

Si, perché lei non è mai ferma, neanche mentre dormiamo!

Non possiamo certo fuggire sulla cima di una montagna o ignorare tutto ciò che ci circonda.

La soluzione ci giunge dall’antichissima pratica della Meditazione.

Saltiamo costantemente da un pensiero all’altro. Fantastichiamo, immaginiamo, pianifichiamo, ci preoccupiamo, pensiamo a qualcosa che è successo, torniamo mille volte sullo stesso pensiero.
È come se la nostra mente chiacchierasse ininterrottamente!

Pensiamo, con questo ritmo, di essere sempre super efficienti. Invece il risultato è un enorme spreco di energia. Così ci ritroviamo più stanchi, meno lucidi e più stressati.

STOP!

Fermati. Ovunque ti trovi.
In piedi, sedutə, sdraiatə. Scegli tu.
Chiudi gli occhi.

Respira.
Eri in apnea?
Tranquillə, succede sempre!
Siamo così abituati a trattenere…
Ma ora porta l’attenzione al respiro.
Seguilo dolcemente, mentre entra ed esce dai tuoi polmoni.

L’aria entra…
L’aria esce…
L’aria entra…
L’aria esce…

Cosa stai pensando?
Sssh, non ora. Potrai pensarlo più tardi.
Ora respira…
Accompagna dolcemente all’uscita qualsiasi pensiero si presenti.
Probabilmente è sempre lo stesso che ritorna!
Ma tu, con la calma di un monaco tibetano, lascialo evaporare, come una nuvola nel cielo.
Torna a seguire il respiro.
Il torace si solleva e si abbassa…
Si solleva e si abbassa…

Ora ci sei solo tu e il tuo respiro.
Focalizzati soltanto su quello.

Il ritmo del respiro…
Come le onde del mare…

Non forzarlo, soltanto seguilo, osservalo.

L’aria entra…
L’aria esce…
Il torace si solleva e si abbassa…
Si solleva e si abbassa…

Ecco, hai appena meditato!

Sono stati scritti innumerevoli libri sulla meditazione, ma sostanzialmente meditare è cercare di silenziare la mente, disciplinarla, imparare a disinserire il pilota automatico.

Studi scientifici hanno dimostrato che la meditazione, praticata regolarmente, diminuisce lo stress e la pressione sanguigna, aumenta le difese immunitarie e la produzione di serotonina (l’ormone del buonumore). Inoltre migliora l’attenzione, le abilità cognitive e la memoria, riduce l’ansia e i sintomi depressivi.

L’abitudine alla meditazione consente un maggior controllo sul sistema sensoriale e ci conferisce il potere di scegliere consapevolmente su cosa focalizzare l’attenzione, anche nella vita di tutti i giorni.

Chi medita regolarmente conosce bene quel senso di tranquillità interiore, giustificato dall’assenza di “caos mentale”!

E infine…

Cos’ha a che fare la meditazione con l’Arte?

Beh, lo stato di calma e di tranquillità, indotto da una meditazione regolare, aiuta a stimolare alcuni talenti assopiti, o messi in secondo piano durante periodi di forte stress.
La creatività è uno degli esempi più importanti. Infatti, per essere creativi è necessario un buon equilibrio tra pace mentale e concentrazione, raggiungibile grazie alla meditazione!

Ti ho incuriosito?
Se dovessi consigliarti un libro, pratico e semplice, che parla di meditazione, sarebbe senza dubbio:
“Il Libro Arancione” di Osho.

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK